Home » Les Petits Riens

Les Petits Riens

Les Petits Riens, ovvero Stefania e Fabien si sono conosciuti in Svizzera, stesse passioni, stessa età ed è stato subito amore, dal 2013 si sono stabiliti alle porte di Aosta e gestiscono una vigna già esistente di 2 ettari, dove hanno trovato circa 12 varietà di uva. A queste viti si sono dedicati con la massima cura in regime totalmente biodinamico, per creare vini artigianali, vini giusti e sinceri, ma anche precisi, da non lasciare indifferenti neppure chi i vini preferisce “degustarli” invece di berli. Fabien ha lavorato per 5 anni presso Marie-Thérèse Chappaz, passo dopo passo, si interessa alla coltivazione della vite senza chimica, rispettando il più possibile la pianta e il terreno che la ospita, la sua idea fin dall’inizio è dare vita a vini che riflettano in ogni bottiglia, la sua idea di vignaiolo che guarda al futuro restando ben radicato nelle tradizioni, vini di raffinata eleganza e amore per la natura. Il vigneto è composto da una sorprendente varietà autoctone e internazionali, dei 2 ettari vitati, il 95% è in un unico appezzamento e il restante 5% sulle alture di Saint-Christophe, dopo diversi studi è emerso che le 12 varietà di uva già presenti sono: Cornalin da Val D'Aoste, Petit Rouge, Gamay, Erbaluce, Syrah, Chardonnay, Mayolet, Pinot Noir, Petit Verdot, Cabernet Franc, Mondeuse Noire. Il territorio ha una struttura eterogenea, situato tra i 600 e gli 800 metri sul livello del mare, rivolto a sud, sulla parte sinistra della valle con un’ottima esposizione al sole per gran parte della giornata, con la presenza di una grande biodiversità, la zona è accarezzata da un vento sempre presente da primavera fino ad inizio autunno. I due giovani vignaioli de Les Petits Riens lavorano meticolosamente e quotidianamente a stretto contatto con la terra, oltre alle viti gestiscono altri 5 ettari di frutteto e un orto sinergico, per capire, scambiare e collaborare con tutto quello che li circonda, con un approccio ispirato della terra e del cielo con l'uomo nel mezzo, come artigiano degli elementi. Vendemmie manuali e vinificazione separata di ogni vitigno, con il minimo intervento possibile, fermentazione con lieviti indigeni, zero chiarifiche e nessuna filtrazione. I vini de Les Petits Riens sono sorprendenti, i due giovani vignaioli preferiscono la brillantezza del frutto all’estrazione esasperata, tannini eleganti, succosi e un’acidità non troppo marcata. Le bellissime etichette sono state create con i colori, le trame e le forme della natura grazie alla collaborazione con l'artista grafico Inbal Even. Assaporando i vini de “Le Petits Riens”, si trova un'espressione identitaria che ci ha particolarmente conquistato, una vera immersione nella magia dei vini veri e autentici, nei vari assaggi, un po’ disordinati, visto che i ragazzi sono alle prese con la ristrutturazione della loro cantina, (in affitto) il vino più sorprendente è stato “Entre Terre et Ciel” 2014, un Petit Verdot, Gamay, Pinot nero e Cabernet Franc che si fondono in maniera armonica ed elegante, per un vino complesso ma nello stesso tempo diretto, vibrante. Le produzioni sono minime e i prezzi non economici, ma dopo aver visitato questa piccola realtà si capisce tutto l’amore, la fatica e l’impegno che questi ragazzi mettono in tutto quello che fanno, il risultato si sente eccome, se vi dovessero capitare a tiro, non lasciatevi sfuggire i loro vini, esperienze uniche. P.S. Per rendere omaggio a quelle che loro considerano le vere artigiane della terra, cioè le api, che “amabilmente” li seguono durante tutto il raccolto, Fabien e Stefania hanno scelto di mettere a protezione dei loro tappi, una capsula di cera d'api dalla Valle d'Aosta, in modo che i loro vini possano “respirare” gli stessi profumi del loro territorio. Ogni bottiglia è dotata di uno stoppino naturale che copre il collo della bottiglia, una volta tolto si può creare, con la complicità della cera, una candela, per illuminare le vostre serate con i profumi de Les Petits Riens.  
Indirizzo: Regione Chabloz, 18, 11100 Aosta AO